Dall’utilità agli eccessi della condivisione

Che sia per fini sociali, relazionali o utilitaristici, prima o poi, tutti finiscono nella rete della condivisione.  Si condividono beni, servizi, denaro (pensate a tutti quei processi di finanziamento collettivo che rispondono al nome di crowdfunding), conoscenze (Wikipedia è solo uno dei tanti esempi), competenze e tempo.

Come si condivide il tempo?

Un esempio significativo potrebbe essere quello delle Banche del Tempo. Ne avete mai sentito parlare? Si scambiano saperi e attività il cui valore è calcolato unicamente sulla base della quantità di ore fornite o utilizzate; una sorta di istituto di credito basato sulla circolazione del tempo e non del denaro. Tutti offrono qualcosa agli altri, in cambio ricevono ciò di cui hanno bisogno.  Il tempo-correntista non diventa creditore o debitore di qualcuno ma della banca; in questo modo la casalinga che offrirà un’ora per la spesa ad un anziano, avrà diritto ad un’ora di lezione dall’insegnante di yoga, o ancora l’appassionata  di cake design che in tre ore preparerà la torta di compleanno di Camilla, potrà richiedere per lo stesso quantitativo di tempo l’aiuto di Marco per sgombrare  il vecchio garage. L’unica unità di misura è l’ora, tutte le prestazioni si pongono sullo stesso livello, senza distinzioni e disparità. Come potete capire, si tratta dunque di una forma di condivisione senza scopo di lucro; gli attori della Banca del Tempo ricevono benefici e mirano al risparmio unicamente attraverso le interazioni sociali che si creano e l’aiuto reciproco.

Noleggio oltre ogni immaginazione

Un’altra forma di sharing che punta al risparmio ma in modi nettamente diversi è il noleggio, sempre più in voga negli ultimissimi anni. Nella sua continua espansione e nel suo incessante  tentativo di raggiungere e soddisfare ogni bisogno delle persone, il noleggio ha raggiunto settori a dir poco inusuali. Vi stupirà sapere quali  e quante cose strane si noleggiano oggi.

Il noleggio dei familiari

Sembra incredibile, ma in Giappone esistono delle vere e proprie agenzie che noleggiano familiari. Perché farlo? I motivi che spingono i giapponesi ad usufruire di questo servizio sono i più disparati: c’è chi richiede invitati finti per il proprio matrimonio, chi noleggia figli mai avuti, chi vuole una moglie che ricordi quella deceduta, ci sono figli che affittano genitori o madri single che cercano un finto padre per il proprio bambino.  Ma la richiesta va oltre il ruolo di familiare, sul lavoro ad esempio c’è chi necessita di un sostituto che si scusi con il cliente o con un superiore in caso di errori e chi cerca qualcuno che faccia ramanzine ai propri sottoposti. In Cina, come nell’Antica Grecia, addirittura si noleggiano persone che piangano e si mostrino sofferenti durante i funerali.

Come noleggiare la notorietà

Negli Stati Uniti tutti possono diventare famosi per un giorno, con un unico pacchetto si noleggiano infatti paparazzi e fans sfegatati con tanto di guardia del corpo. Per sentirsi oltre che famosi anche molto ricchi, c’è il lussuoso jet noleggiabile ad ore. Nessun costo per il carburante, anche perché l’aereo non parte! Lo  scopo del noleggio consiste nel farsi fare un vero e proprio book fotografico all’interno, dopo esser stati truccati e vestiti di tutto punto. Insomma, tante foto da postare per dare a tutti l’illusione di vivere nel lusso sfrenato.

Scrivi qui il tuo commento

avatar