Uffici arredati in era Covid: chi li utilizza?

L'opportunità per iniziare in un nuovo ambiente

Writed by Elena Tosatto on 3 Dicembre 2020 @ 11:55 - Curiosità

Oggi, vogliamo fare un’analisi di come si sta muovendo il settore noleggio uffici arredati, in epoca Covid.

Chi ha continuato ad usare gli spazi, chi ha ridotto le dimensioni. Dunque chi ha aumentato cambiato i turni di presenza, chi ha smesso definitivamente. Ma anche chi ha iniziato ad approcciarsi all’ufficio arredato proprio ora. Quali conseguenze sta portando il Covid, a breve termine? Minor numero di persone presenti in sede, turnazione per mantenere il distanziamento, riduzione degli spazi da utilizzare.

cowo reception

Cambiamento: presto per fare i conti

Da marzo, ci stiamo gradualmente “abituando” alla mancanza di certezze, nella vita privata come in quella lavorativa. Alcuni settori sono stati letteralmente stravolti da questo virus (pensiamo al settore turistico, alberghiero, alla ristorazione). In questo marasma però, ci sono alcune attività che ne hanno risentito meno oppure che hanno addirittura lavorato di più. È certamente presto per fare i conti di quello che è stato, è e sarà, l’impatto del Covid sulle attività produttive e commerciali. Ma nel nostro piccolo vogliamo vedere chi, dopo due lockdown, ha comunque continuato (o addirittura avviato) la propria attività all’interno dei nostri locali.

La nostra esperienza

Noi stessi, gestori business center, abbiamo, durante il primo lockdown, dovuto interrompere la nostra attività. Mentre quando il Piemonte è entrato in zona rossa, ad inizio novembre, abbiamo potuto continuare ad essere operativi. Con tutte le accortezze anticovid, adeguando i locali secondo le norme e lavorando, dove e quando possibile anche da parte del cliente, su appuntamento.

Chi non ha mai smesso: i settori indispensabili

All’interno dei nostri uffici sono rimaste sempre attive varie attività, a marzo: i settori trasporti, logistica, gas, medicale, energetico; alcuni liberi professionisti, hanno continuato ad utilizzare gli spazi. Ad esempio, il settore edile (tecnici, geometri, architetti) ha spesso continuato a lavorare, soprattutto per stare al passo con gli sgravi fiscali da bonus sull’edilizia.

Riduzione degli spazi

Diverse aziende, sono riuscite a superare indenni la prima chiusura, per poi non riuscire a gestire come prima la seconda. È il caso di telefonia e produzione software, che hanno dovuto diminuire gli spazi in affitto, dunque le spese (o lavorando da casa, o riducendo il numero di uffici occupati).

Riduzione della presenza

Le grandi aziende, che aprono sedi operative da noi, principalmente si occupano di progettazione meccanica. Usano gli uffici per i tecnici o gli agenti di commercio. Hanno lavorato da casa. E quando c’è stata la ripresa, hanno comunque fatto (e stanno tuttora facendo) presenza a turni. Con lavoro in smart working da casa, quando non presenti in ufficio.

Per chi dice no all’home working

Chi proprio non è fatto per lo smart working da casa, e può scegliere (o l’azienda glielo permette) utilizza gli uffici arredati o le postazioni in coworking. È il caso di Marco, agente nel settore edile. Non può viaggiare (come farebbe normalmente per incontrare i propri clienti), ma l’azienda gli ha dato la possibilità di appoggiarsi alle nostre scrivanie. L’ambiente è sicuro, costantemente sanificato. Viene rispettato il distanziamento perché abbiamo ridotto i posti a sedere. Può entrare 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Al piano terra un bar aperto con servizio d’asporto. Qualche chiacchiera in piena sicurezza. Insomma, sono molti i motivi che lo spingono a preferire questo spazio rispetto a casa propria. Ad un costo decisamente vantaggioso.

Uffici arredati in era Covid: un’opportunità per iniziare

Alcune aziende, lo abbiamo già detto, hanno lavorato (a casa o in ufficio) più di periodi normali. Qualcuno dice terminerà il 2020 con un fatturato maggiore dello scorso anno. Da maggio, quando è terminato il primo lockdown, ad oggi, diverse attività hanno però trovato il coraggio di cominciare, da zero. È il caso di Claudia, titolare di una piccola impresa famigliare, che ha deciso in un periodo così particolare, di mettersi in gioco, in proprio e noleggiare un ufficio in maniera continuativa nei nostri locali.

Vediamo inoltre uno spiraglio: oggi, dopo qualche disdetta, finalmente una nuova prenotazione, un noleggio a lungo termine. Grazie Fabio!

Al passo col cambiamento

Quali sono gli accorgimenti per poter utilizzare gli uffici arredati in era Covid? Abbiamo detto essere in un’epoca di cambiamento. Ci siamo tutti dovuti adattare: ad usare le mascherine, il gel, a lavarci spesso le mani. Siamo sicuri che al di là di un vaccino, molti comportamenti rimarranno in noi anche in futuro. Per molto tempo, in ambiente di lavoro, staremo “lontani” da colleghi e collaboratori.

Nei nostri 35 uffici arredati, due sale riunioni, postazioni in coworking e centro congressi, continuiamo a farvi accedere in totale sicurezza. Continueremo a garantirvi il distanziamento, riducendo i posti. A fare sanificazione regolare e ad accogliere i vostri ospiti misurandone la temperatura. Perché in un momento così particolare, siamo sicuri che il miglior modo di farvi stare bene, lavorativamente, sia donarvi un ambiente in cui possiate sentirvi sicuri. Anche se siete obbligati allo smart working.

_Elena