Articoli

home working

Home working o coworking?

Come per lo smart working, anche per l’home working bisogna essere portati. Nello svolgere il lavoro da casa, infatti, bisogna avere una serie di requisiti e capacità che non sono per tutti.

In agguato stress e improduttività

In un contesto casalingo, dove le distrazioni sono dietro ogni angolo, è difficile rimanerne indifferenti. Tramite ogni applicazione sul telefono, ad esempio, riceviamo notifiche. La curiosità prevale e si vogliono leggere immediatamente. Mentre in ufficio infatti, solitamente il telefono si tiene da parte, qui bisogna tenerlo attivo, perché spesso è il principale mezzo di lavoro. Ma è complesso non distrarsi, ad ogni “pin” che lo smartphone produce, con conseguenze negative sulla produttività.

Orario: essere chiari con tutti

Il problema di lavorare in un contesto casalingo è che spesso chi è con noi si sente in diritto di disturbarci. Proprio perché siamo lì, apparentemente disponibili. Dunque è fondamentale mettere dei paletti con le altre persone. Far sapere che si hanno determinati momenti di lavoro durante i quali non si può essere disturbati. Certo si è in casa, spesso non si hanno gli orari classici da ufficio. Ma il tempo del lavoro va comunque rispettato, indipendentemente dall’orario.

Lavorare in presenza di bambini

Alcune mamme che lavorano da casa, per necessità o raramente per scelta, alternano il proprio lavoro alla gestione dei figli. Le attività non sono sempre facilmente conciliabili, specie se i bimbi sono piccoli. A meno di svolgere un lavoro dove sia necessaria, effettivamente, la presenza dei piccoli (per esempio vendita di prodotti per neonati, con dimostrazioni, corsi). Un aiuto sarebbe necessario, anche perché i tempi da dedicare ai piccoli sono sempre imprevedibili.

La capacità di convivere con le distrazioni

Come abbiamo sempre detto, le distrazioni è naturale che ci siano. Devono esserci, altrimenti ne è a rischio la produttività. Però vanno ben equilibrate rispetto al proprio lavoro, nei tempi e nei luoghi. Il caffè è d’obbligo ma si può stabilire di prenderlo sempre ad una solita ora.

Alcuni metodi per mantenere l’attenzione in home working

È fondamentale mantenere la concentrazione, in ogni ambito in cui si lavori. A casa, si possono utilizzare metodi differenti rispetto all’ufficio. Se possibile, sarebbe meglio non accedere ai social e staccare il telefono, o comunque metterlo silenzioso. In secondo luogo, sarebbe opportuno stabilire degli orari e crearsi una routine. Creare un ambiente confortevole ed ergonomico. E comportarsi come se ci si dovesse effettivamente recare in ufficio.

Non sottovalutare gli orari

Proprio non avendo gli orari “da ufficio”, uno dei principali rischi nel lavorare in home working è quello di lavorare oltre misura. La libertà dei propri orari infatti coincide col rispetto degli orari degli altri. Con la capacità di porsi degli obiettivi e di portarli a termine nei tempi prestabiliti. Nel sapersi organizzare e nel riuscire a staccare la spina quando è necessario.

Home working vs smart working

Lavorare a casa per necessità/scelta in maniera continua, è differente dal lavorare da casa in modalità smart, ossia una volta ogni tanto. Nello smart working infatti è più facile non cadere nella routine, ed anzi apprezzare tutti i benefici del lavorare a casa. In primis non avere orari da rispettare, ma obiettivi da realizzare. Nel caso dell’home working, passato l’entusiasmo iniziale, possono manifestarsi tutte le problematiche connesse.

Coworking: un’ottima alternativa ad un costo ragionevole

In soccorso di tutte le persone che non hanno le capacità di lavorare da casa, ecco che arriva il coworking. Un metodo di lavoro anticonvenzionale. Un luogo esterno alla propria abitazione, in un contesto di condivisione, ma solo per scelta.

599 europa mette a disposizione scrivanie dove poter lavorare in tutta tranquillità. Senza nessun limite di orario, grazie alla possibilità di accedere con badge personale Postazioni spaziose, luminose, pulite, dotate di tutti i comfort, dal riscaldamento al condizionamento. La possibilità di utilizzarle solo all’occorrenza, quando serve e a pacchetti di ingressi. Presa di corrente ed internet wifi dove collegarsi per poter lavorare in piena autonomia. Macchinette per il caffè e bar a pochi passi, dove distrarsi ma sempre nei tempi e nei modi che si ritiene. Servizio reception, per un aiuto nel dedicarsi solo ed esclusivamente alla propria attività. E non per ultimo, nessun pensiero a bollette ed utenze, né alla realizzazione e gestione del proprio ambiente di lavoro.

Insomma, solo vantaggi e postazioni già pronte, a pacchetti di ingressi a partire da € 13,00 al giorno oppure a solo € 105,00 al mese.

_Elena

avvocato

Non tutti fanno coworking: l’avvocato

Prendiamo una figura professionale che potrebbe trovare in un coworking come 599 europa l’ambiente adatto per svolgere le proprie attività: l’avvocato. Qui infatti potrebbe:

  • disporre di un ufficio riservato, dove incontrare colleghi o clienti o telefonare;
  • accedere al proprio ufficio negli orari più disparati grazie all’accesso 24/7;
  • stampare in maniera riservata, grazie all’attivazione della stampante tramite badge personale;
  • pagare un canone mensile comprensivo dei principali servizi;
  • ricevere ospiti grazie ad un personale di reception attivo in orario ufficio;
  • apporre il proprio logo all’interno del Centro;
  • allargare la propria clientela grazie all’ambiente collaborativo che si sviluppa all’interno del centro;
  • sfruttare la connessione internet del centro per svolgere attività di back office;
  • eleggere il centro a proprio domicilio professionale.

Quali strumenti utilizza l’avvocato?

Non si tratta di una categoria professionale con grosse esigenze dal punto di vista degli strumenti informatici. Necessitano principalmente di telefono e pc. E questi ultimi vengono solitamente forniti loro dallo studio di appartenenza oppure sono di loro proprietà. Possono accedere da remoto ai loro gestionali (esattamente come i professionisti che lavorano da casa). Normalmente non hanno motivazioni economiche che li trattengano dal portare il proprio studio all’interno di un business center.

Allora perché questo professionista non utilizza il nostro ma nemmeno gli altri Business center?

Gli scogli possono essere molteplici. In primis, vi è un blocco culturale, rappresentato dal fatto che normalmente l’avvocato non può permettersi di assentarsi a lungo dal proprio studio. Questo per non essere da meno rispetto ai propri collaboratori, in termini di tempo e produttività. Quanto meno all’apparenza.

In secondo luogo, alcuni non si sentono tutelati in merito alla privacy, all’interno di strutture come i business center e i coworking. Se da una parte, come categoria, è abituato a condividere lo studio coi propri partner, d’altro canto non è pronto a condividerlo con altre categorie professionali.

Categorie professionali più “riservate”

Negli anni, all’interno di 599 europa coworking sono spesso stati noleggiati uffici da differenti professionisti per così dire di categorie più “delicate”, dal punto di vista della privacy. Abbiamo ospitato ed ospitiamo tuttora psicologi, commercialisti e curatori fallimentari, organizzatori di incontri personali. Da 599 europa, la rete internet è sicura e permette accesso univoco per ogni singolo ufficio, tramite pw regolarmente cambiata. L’accesso alla struttura è regolamentato da badge, che viene rilasciato solo con cauzione e fotocopia della carta d’identità. La stampante è regolamentata da attivazione tramite badge. I documenti possono essere mandati in stampa ma uscire solo nel momento in cui il badge personale attiva la stampante. Le pareti sono insonorizzate, e permettono di effettuare conversazioni e telefonate in maniera riservata. Tramite accordi con la reception, è possibile ricevere clienti in piena riservatezza.

Professionisti: meglio smart working che coworking

Insomma, sono molti i metodi che noi come altri coworking, applichiamo per dare spazio a tutti. Ma mentre molti studi professionali ricorrono allo smart working con il lavoro da remoto da casa, in generale è più difficoltoso per alcune categorie ricorrere al coworking. Non tanto per questioni di privacy, quanto più per blocchi culturali.

Tecnici.eu

Intervista: Easy Project

Proseguiamo con le interviste ai nostri coworkers. Oggi sentiamo Andrea, di Easy Project. Noleggia l’ufficio in condivisione, insieme alla collega Francesca, con Fabio e Andrea, dal 2017. Insieme, con il marchio Tecnici.eu

Raccontaci un po’ di te: che lavoro fai? Di che cosa ti occupi?

Sono ingegnere strutturale (progettazione di strutture). Insieme ad alcuni colleghi (Fabio e Francesca) abbiamo il nostro studio presso il Coworking.

Come sei venuto a conoscenza del nostro Centro?

Conosciuto grazie ad un mio conoscente

Perché hai scelto 599 europa? Che cosa ti ha convinto?

La semplicità. Quando lavoro non devo pensare ad altre mille cose (bollette, pulizie ecc). Qui so solo che devo pagare un affitto e il resto non è un mio problema.

Avresti potuto svolgere la tua attività anche da casa? Se sì, spiegaci perché hai preferito noleggiare un ufficio.

Potenzialmente si, ma come tutte le cose da casa non si è produttivi come in ufficio.

Secondo te quali sono i vantaggi di un ufficio a noleggio rispetto alla locazione di un ufficio o altre soluzioni?

L’estrema flessibilità. Posso affittare per un ora, un giorno, un mese, posso cambiare ufficio se cambiano le esigenze e così via.

Quali servizi utilizzi presso il ns Centro?

Affitto ufficio

Hai trovato nuovi spunti lavorando qui? Sono nate delle collaborazioni?

Per ora no, ma non si esclude che in futuro possa nascere qualche collaborazione proficua.

prolab materials

Intervista: ProLab Materials

Abbiamo voluto fare qualche intervista tra chi utilizza da più o meno tempo i nostri spazi. Oggi sentiamo l’azienda ProLab Materials.

Di che cosa vi occupate?

In ProLab siamo ingegneri, chimici e imprenditori. ProLab sviluppa e produce resine per stampanti 3D. Operativamente acquisiamo le richieste dal cliente per materiali su misura, individuiamo la strategia operativa, svolgiamo ricerca e sviluppo di nuovo prodotti nei nostri laboratori chimici, infine produciamo direttamente il materiale sull’impianto industriale nei volumi richiesti.

Recentemente abbiamo aperto un nostro store per la linea di prodotto di materiali compatibili con le stampanti 3D con più base di installato sul mercato: https://prolabmaterials.com/store/

Come sei venuto a conoscenza del nostro Centro?

Tramite mio padre, per passaparola, nel 2015.

Perché hai scelto 599 europa? Che cosa ti ha convinto?

Inizialmente la nostra esigenza era di avere uffici disponibili, un punto di incontro facilmente raggiungibile per i meeting. Ci ha convinti la possibilità di ingresso in qualunque orario, servizio carente di altri coworking.

Inoltre ci ha convinti la posizione fuori Torino, facilmente raggiungibile senza il classico traffico del centro, e la facilità nel dare indicazioni grazie alla vicinanza dell’autostrada TO-MI.

Avresti potuto svolgere la tua attività anche da casa? Se sì, spiegaci perché hai preferito noleggiare un ufficio.

Certamente ci sarebbero molte soluzioni possibili, ne ipotizzo alcune:

  • Adibire parte dei capannoni ad uffici: sarebbe stato scomodo per noi far arrivare i clienti direttamente in loco, per la presenza di molto traffico industriale, strade non facilmente accessibili e continue lavorazioni industriali. Inoltre non sarebbe stato possibile garantire la privacy per l’elevato numero di produzioni conto terzi dei clienti.
  • Affitto classici uffici: la serie di contratti e utenze da far propri si traduce in sostanziale perdita di tempo, di denaro. La domande era: quando saremo operativi? con la flessibilità degli uffici all’interno del coworking ci si avvantaggia del pronto all’uso.
  • Cowoorking in Torino e Incubatore: come startup avremmo potuto facilmente richiedere aree uffici e laboratori, a prezzi di favore in centro a Torino.

Tuttavia la scelta della posizione è stata predominante, in Torino la presenza di molti parcheggi a pagamento sempre più cari, avrebbe scoraggiato la visita di molti.

Nel nostro caso il potenziale accesso alla struttura anche nel weekend è una libertà a cui avremmo dovuto rinunciare in altri coworking, con orari imposti dalle strutture.

Secondo te quali sono i vantaggi di un ufficio a noleggio rispetto alla locazione di un ufficio o altre soluzioni?

  • Pronto da subito.
  • Tutto compreso nel contratto: non ci si preoccupa di contratti: luce, riscaldamento, Wifi, servizi di pulizia, manutenzioni, tutto compreso in un unica fattura, preoccupandosi solamente di lavorare.
  • Servizio reception accoglienza clienti, per rappresentanza è molto importante far sentire il cliente ben accolto e indirizzarlo all’ufficio o alla sala meeting.
  • Sale meeting pronte all’uso, per presentazioni con proiettore e servizi opzionali fra cui scegliere.

Quali servizi utilizzi presso il ns Centro?

A mio parere, i servizi più utilizzati nella struttura sono:

  • Accoglienza clienti
  • Servizio ritiro posta
  • Servizio stampante
  • Area caffè relax

Hai trovato nuovi spunti lavorando qui? Sono nate delle collaborazioni?

Si sa che parlando si trovano molti spunti.

Direi che spesso ci si confronta con personalità interessanti, si può sempre imparare qualcosa!La socializzazione è limitata alla vicinanza o alla volontà di ognuno ovviamente.

Forse si potrebbe incentiverebbe con aree relax più grandi, con un paio di tavoli e sedie/sgabelli, sempre più clienti preferiscono portare il pasto da casa.

enpap

Coworking e psicologi: convenzione ENPAP

Alcune professioni più di altre, hanno sempre maggiore necessità di appoggiarsi ad uffici temporanei. Da qualche anno a questa parte, è infatti stato osservato un aumento nell’utilizzo da parte di psicologi e psicoterapeuti di spazi già organizzati, all’interno di strutture più professionali della propria abitazione.

Perché un professionista quale lo psicologo sempre più spesso ricorre agli spazi di coworking?
  • Ricevere i pazienti all’interno della propria abitazione è poco professionale;
  • Il numero di pazienti è ristretto, e non ha né possibilità né tempo di allestire un ufficio da zero, con costi e burocrazia annessi;
  • Ricerca uno spazio che sia possibile eleggere a propria sede legale, pur non essendo fisicamente sempre presente ma noleggiando un ufficio a tempo;
  • Ha l’esigenza di ricevere la propria corrispondenza;
  • È presente personale di reception che accompagna i pazienti allo studio;
  • Sono presenti sala d’attesa e servizi;
  • Cerca uno spazio che sia a disposizione esattamente nel momento in cui deve ricevere il paziente.

I business center dunque mettono a disposizione spazi attrezzati, riservati e puliti, con personale di reception e accesso controllato, dove il professionista può ricevere i propri pazienti; effettuano inoltre servizi di domiciliazione legale e postale; hanno sala di attesa; costi e modalità di noleggio sono completamente personalizzabili.

Per venire incontro a questa sempre maggiore richiesta, dal 2016 599 europa ha stipulato una convenzione con l’ENPAP, l’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza agli Psicologi, per dare modo a tutti gli iscritti di accedere agli uffici ed ai servizi che 599 europa offre a prezzi agevolati.

 

Sei iscritto ad ENPAP? Scopri di più!

 

_Elena