Le aziende danno il benvenuto allo smart working

man-person-apple-iphoneSpronato da una società in continua evoluzione, il mondo del lavoro ha deciso negli ultimi anni di rimettersi in gioco. Da un esame accurato dei tradizionali vincoli legati a luogo e orario nasce lo smart working, conosciuto anche come “lavoro agile”. Con questa definizione si identifica la prestazione del dipendete che non deve necessariamente essere eseguita da una postazione fissa, ma può essere svolta ovunque: da casa, da un ufficio decentrato o da un coworking.

Nonostante in Italia sia ancora troppo bassa la percentuale di piccole-medie imprese che lo adottano (peccato perché proprio le Pmi otterrebbero oggi i migliori benefici in termini di produttività), l’utilizzo dello smart working è destinato ad aumentare  perché favorito dalla crescente diffusione degli spazi di coworking. Ha invece ottenuto una fortuna maggiore nel campo delle grandi imprese e multinazionali, che in numero sempre maggiore, lo accolgono a braccia aperte. Padova ne è l’esempio: Vodafone (da aprile 2014) e Safilo (aprile 2016) stanno sperimentando questo nuovo modello  con buoni risultati. In Safilo chi aderisce al progetto, vi destina il 20 % del proprio orario settimanale, mentre i dipendenti Vodafone lo utilizzano fino ad un giorno a settimana.

Il fatto che non sia più il capo a dettare le regole su come e quando si lavora, comporta benefici sia al lavoratore sia all’azienda stessa. Il dipendente  può gestire al meglio gli orari quindi la propria vita familiare, ciò riduce l’assenteismo, i costi e aumenta l’efficienza dell’individuo stesso.

_Serena

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *