Come lavorare in un ufficio galleggiante

sailboat-414509_640La bella stagione è alle porte, ma le ferie sono ancora un miraggio! Quanto sarebbe bello vedere il mare senza dover aspettare le tanto agognate vacanze…ma come fare? Gli esperti del mestiere sanno che negli ultimi anni il coworking si è spinto verso le mete più impensabili, fino a raggiungere i paradisi tropicali. Ma un ufficio galleggiante l’avete mai visto? Quattro sognatori su una spiaggia thailandese possono fare grandi cose: è nato così Coboat, dall’incontro delle idee bizzarre di un gruppo di lavoratori itineranti che sperano  ogni giorno di cambiare il mondo. Il loro obiettivo? Creare una società migliore, mossa da individui motivati e dalla loro voglia di sfidare l’impossibile.

Nel 2015 prende vita il loro folle progetto: il primo coworking sul mare. Alla già sperimentata formula vita-lavoro si aggiunge un elemento nuovo: l’avventura. Ma cos’è concretamente Coboat? Un catamarano di 30 metri, interamente ecosostenibile e sempre connesso,  che può ospitare fino a 20 smart workers. Quando si salpa la noia rimane a terra! Al tempo dedicato al lavoro, si affiancano momenti di relax, sport e divertimento ( come immersioni, fotografie, corsi di vela). Questi fortunati coworkers lavorano esplorando il mondo, il sogno di ogni uomo!

Lo scopo dell’avventura è fornire ai passeggeri motivazione, ispirazione, nuovi stimoli per trasformare il lavoro solitamente noioso in un lavoro creativo e quindi più efficiente! Coboat è un’esperienza unica nel suo genere perché arricchisce anima e spirito: “ Anche se percorri la Terra tutta intera, non imparerai tante cose quante ne imparerai dal mare”, Pär Lagerkvist, Pellegrino sul mare.

_Serena

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *