Anche i negozi finiscono in coworking

negozi_in_condivisione

Nell’immaginario comune, quando si sente parlare di coworking si pensa alla condivisione di uno spazio da parte di liberi professionisti, piccole aziende e start-up, all’interno di uffici. Perché quindi non allargare il concetto all’ambito dei negozi? Il coworking ben si adatta infatti alla condivisione tra più attività commerciali o produttive, tra due licenze o partite IVA differenti.

Almeno da un anno infatti si parla di coworking per i negozi. Il concetto è finora sempre stato valutato sul piano teorico. La domanda sempre crescente da parte dei commercianti, è stata finalmente presa in considerazione a Savona, dove da qualche giorno una delibera regolamenta la condivisione dello spazio per più attività commerciali. Certo queste dovranno sottostare a specifiche norme, che dipenderanno dalle differenti attività commerciali che si installeranno nei locali. Con gli opportuni adeguamenti, entrando da una stessa porta sarà possibile trovare due differenti negozi. E non si tratta di una riqualifica delle licenze (il panettiere che vende anche salumi, o il fruttivendolo che vende anche formaggi), come già accade da tempo. Da oggi a Savona un panettiere ed un fruttivendolo potranno svolgere le loro attività all’interno dello stesso locale, mantenendo la loro indipendenza pur condividendo le spese di gestione del locale stesso e risparmiando bollette e affitto.

Ci sono molti casi di condivisione dello spazio di lavoro in senso generale: basti pensare alla ben nota “poltrona in affitto” (la cosiddetta “booth rental station”), il contratto portato dall’America attraverso il quale acconciatori ed estetisti concedono in affitto poltrone a colleghi operanti nello stesso ambito. La novità oggi è che viene regolamentata anche la condivisione tra ambiti commerciali differenti. Dunque più commercianti, ognuno con la propria merce e la propria licenza, potranno convivere sotto uno stesso tetto. Prerequisito? Non superare i 250 mq di superficie, oltre i quali  si rientra nella regolamentazione dei centri commerciali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *